La provincia di Reggio - Adi Reggio Calabria

ADI "Assemblee di Dio in Italia"
Chiese Cristiane Evangeliche
Reggio Calabria

ADI "Assemblee di Dio in Italia"
Chiese Cristiane Evangeliche
Reggio Calabria

Vai ai contenuti

Menu principale:

La provincia di Reggio

CENNI STORICI


Nel 1919, nel mese di ottobre, il messaggio dell’Evangelo giunse a Bruzzano Zeffirio (RC) attraverso la testimonianza dell’instancabile fratello Giacomo Lombardi. Questo servitore di Dio, al tempo in missione in Italia, raggiunse questo piccolo centro calabrese dove il Signore toccò il cuore ad una persona con tutta la sua famiglia, si trattava di Antonino Praticò.Fu così che si costituì il primo, seppur piccolo, gruppo di fedeli della provincia di Reggio Calabria.

Nello stesso anno, nel mese di dicembre, il fratello Lombardi, continuando la sua opera Evangelistica, giunse a Badia di Caraffa di Bianco (RC) e Samo di Reggio Calabria, qui un cospicuo gruppo di persone accettò il Lieto Messaggio proclamato dal predicatore, tra questi vi erano i fratelli Maisano.Essendo Badia un piccolo centro prettamente agricolo, vi si trovarono a lavorare molte persone del vicino paese di Ferruzzano (RC), quindi nel periodo tra il 1920 e i primi del 1921, molti abitanti di Ferruzzano ricevettero la testimonianza da parte dei neo-credenti di Badia.
La testimonianza della Buona Novella ebbe ancora luogo ad espandersi in questo nuovo centro, da dove continuerà poi il suo cammino di progresso in progresso verso tutti gli altri centri dell’intera provincia di Reggio Calabria.Nel 1925 si ha testimonianza di un gruppo a Palmi (RC)  e nel 1931 fu raggiunto dall’Evangelo Melito Porto Salvo, dove fu costituita una piccola comunità.Nel 1932 il fratello Rocco Schirrippa, rientrato da Corona (USA) nello stato di New York, porterà la testimonianza al suo paese d’origine, Gioiosa Jonica, dove si costituirà un gruppo di credenti da lui stesso presieduto.

Nell’anno successivo, il 1933, nel paese di Cittanova (RC) si costituì una piccola comunità, quale frutto della testimonianza del fratello A.Berlingeri, il quale rientrato in Italia, dagli Stati Uniti d’America, annunciò l’Evangelo al proprio paese natio.Dalla comunità di Cittanova il messaggio Evangelico s’estenderà ai paesani limitrofi raggiungendo svariate località.Da qui il fratello Pasquale D’Agostino portò la testimonianza in molti centri del territorio circostante e delle province vicine.

Nell’immediato secondo dopoguerra il D’Agostino raggiunse i seguenti centri dove poi sorsero delle comunità: Gerace Superiore,  Laureana di Borrello, Gioia Tauro, San Ferdinando, Taurianova, Zoira Gerace, Falconara Albanese, San Fili, Serra San Bruno, Delianova, Paola, Melicuccà, Polistena, Cinquefrondi, Varapodio, Bovalino, Ardore, Locri e Santa Cristina.
Nel 1948 un credente1 di Africo (RC), rientrando dagli Stati Uniti d’America, cominciò a testimoniare ad un numero ristretto di persone (appena tre), dell’esperienza che lui stesso aveva fatto.Questi si riunivano per pregare e leggere la Parola di Dio, nelle loro case, di tanto in tanto veniva un fratello da fuori a fare loro una visita.

Uno di questi tre fratelli prese la decisione di andare nella vicina Ferruzzano,  dove aveva sentito vi erano altri credenti, per saperne di più dell’opera di Dio tra i vari credenti in quelle zone.Trovandosi a contatto con i fratelli espresse il desiderio di poter conoscere altri che condividevano la stessa esperienza di fede, ma anche d’essere più istruito nella Parola di Dio.
Un certo fratello Berto, accettò l’invito di recarsi con un gruppo di persone ad Africo Vecchio per evangelizzare.Giunti sul luogo cominciarono a testimoniare pubblicamente dell’opera di Salvezza in Gesù, con un notevole risultato,  infatti molti accettarono l’invito a venire a Cristo, tra i quali,  Antonio Criaco, un giovane zelante che subito manifestò il desiderio di darsi interamente per il Signore, cominciando ad evangelizzare e prendendo cura del gruppo di persone che periodicamente si riunivano in una stalla per ascoltare la Parola di Dio.

Quasi ogni sera il gruppo, che ormai raggiungeva circa una sessantina di persone, si ritrovava in quella stalla dove spendevano tanto tempo in preghiera e meditazione della Parola ed il Signore non mancava di benedirli, battezzando molti nello Spirito Santo. Poco tempo dopo il fratello Criaco si ammalò gravemente e nel giro di brevissimo tempo morì. Fu certo un duro colpo per tutti,  ma il suo funerale fu una validissima testimonianza per tutto il paese.
Giunse così ad Africo un insegnante della scuola elementare, il fratello Lasco, che di giorno espletava la sua professione e la sera predicava la Parola di Dio. Il Signore si manifestava potentemente tanto che il gruppo non rimaneva più inosservato,  tutto ciò a vantaggio dell’espansione dell’Evangelo.

Più tardi prenderà cura del gruppo, per circa due anni, il fratello Leo Favasuli.
Oggi la comunità, nonostante il grande esodo di persone che spesso emigrano in cerca di lavoro, è fiorente ed ammonta a circa duecento credenti, curati da allora dal fratello Andrea Palamara.Ancora oggi in quel paese vi è un popolo che loda il Signore.
Nel 1949 rientrando da Corona (New York), il fratello Giuseppe Femia, recò la testimonianza dell’Evangelo a Gioiosa Marina, dove si convertirono un gruppo di persone che, a loro volta portarono la testimonianza ai vicini paesi di Aspalmo,  Mammola, Martone, Santabarbara, San Giovanni ed altri piccoli centri.

Solo nel 1952 una sorella della comunità di Ferruzzano porterà la testimonianza alla città di Reggio Calabria dove il Signore operò grandemente. Il primo pastore della nascente comunità fu il fratello Carmine Monetti. Oggi a Reggio città,  esistono tre fiorenti comunità delle Assemblee di Dio in Italia e circa una trentina in provincia.



ALCUNE IMMAGINI STORICHE DI FERRUZZANO, DELLE COMUNITA' EVANGELICHE E DEI PRIMI LOCALI DI CULTO
ADI "Assemblee di Dio in Italia"
Reggio Calabria
Copyright 2016 ADI Reggio Calabria - All Right Reserved
Torna ai contenuti | Torna al menu