Archivio - Adi Reggio Calabria

ADI - ASSEMBLEE DI DIO IN ITALIA
Chiese Cristiane Evangeliche
Reggio Calabria
Vai ai contenuti

Liberazione dalle Fobie

Adi Reggio Calabria
Pubblicato da in - Riflessioni Bibliche ·

FOBIE

Le fobie sono paure esagerate d’oggetti specifici o situazioni.
Ne sono state classificate circa 300, ma la lista potrebbe continuare all’infinito.
I “fobici” possono soffrire di fobie comuni: paura esagerata di cose che la maggioranza teme, come la morte; oppure fobie specifiche, per esempio paura di cose che in se stesse non generano timori, come spazi aperti o ascensori, ma che si temono perché vittime d’ansie, timori che essendosi condotti malvagiamente si sarà certamente castigati. Si proietta così la propria ansia su situazioni esterne che sono temute e perciò da evitare.
In ogni caso molte fobie non sono neppure denunziate e si finisce per accettarle. Le statistiche riferiscono che i tre quarti di quelli che ne soffrono appartengono al gentil sesso ma non spiegano i motivi. Silenzio anche sulla fascia d’età dei più colpiti: tra i 25 e i 45 anni.
Alcuni dati, invece, sulle ragioni che le fanno insorgere: perdita di una persona cara, un’esperienza traumatica che produce uno shock, emulazione dei genitori che possono trasmettere inconsapevolmente i loro conflitti umani.
Purtroppo c’è il rischio che crescendo si può trasferire la propria paura dalla causa originaria ad altre situazioni.

Le diverse fobie
Semplificando quello che uno psichiatra ha definito come “un’oscura selva di conflitti umani”, si può affermare che l’analisi suddivide le fobie in tre tipi fondamentali: semplici, sociali, degli spazi aperti.
Le fobie “semplici” sono quelle che si manifestano in relazione con situazioni od oggetti specifici come la paura dell’acqua (acquafobia) o dei cani (cinofobia) o - molto diffusa - la claustrofobia: paura degli spazi chiusi.
L’uomo comune troverà fuori del normale ed assurdo avere questo tipo di problemi, ma occorre un cuore compassionevole per riuscire a capire chi è stretto in questa morsa. Ogni credente partecipa alla compassione che animava Gesù in terra e di cui è detto negli evangeli che ben nove volte la provò.
Le fobie “sociali” sono invece quelle che si provano in pubblico, anche quando questi è costituito da una sola persona. E’ il problema di quanti provano paura ad andare ad una festa, parlare in pubblico, firmare davanti ad altri temendo che la mano possa tremare. I figliuoli di Dio ne sono liberi e vivono invece la propria fede, anche comunitariamente, nelle riunioni di culto che offrono al Signore e nella comunione fraterna in genere.
Infine, la fobia “degli spazi aperti”, detta agorafobia. E’ la più difficile da decifrare e da capire. Letteralmente la parola significa “paura della piazza del mercato” e gli esperti affermano trattarsi della paura di quanto la piazza del mercato rappresenta: folle o perdita della padronanza o sicurezza che generalmente si prova in un ambiente ristretto. E’ la “paura della paura”: il panico di chi arriva ad evitare qualsiasi movimento e ad uscire da casa per timore della folla che c’è fuori.
E’ indicata come un problema genetico, per alcuni anomali, per altri alimentare: la caffeina può generare irrequietezza, paura, nervosismo, ansietà, nausea, palpitazioni, tremore. Da altri ancora come una malattia fisica, un disturbo del sistema nervoso. Un ricercatore ha, infatti, scoperto che iniettando lattato di sodio in questi soggetti si provocano crisi di panico.

Quali aiuti?
Si potrebbe affermare che ogni fobico abbisogna di una terapia diversa. Dipende dalla causa originale e del soggetto.
In alcune nazioni ricorrono all’elettroshock: terapia elettroconvulsivante. Si fa attraversare il cervello da una debole corrente elettrica che possa generare una modesta crisi di convulsioni. Per gli effetti conseguenti al suo uso come la perdita di memoria, in alcuni paesi è vietata e fortemente limitata.
Alcuni trovano sollievo nella cosiddetta medicina alternativa quali rimedi naturali, omeopatia....
Non sempre i farmaci sono utili, riferiscono gli psichiatri. Il numero di chi può ricorrervi si riduce al 70% per gli effetti collaterali possibili: sintomi di panico, visione offuscata, insonnia; in ogni modo non è possibile usarli per periodi troppo lunghi.
In alcuni casi è praticata l’ipnosi, ma degli esperti non concordano sul suo uso rilevando l'importanza del coinvolgere la volontà del paziente per raggiungere risultati efficaci e durevoli. In ogni caso i credenti evitano quest’ed altro diverso metodo che lasci ad altri il controllo della propria mente ritenendo che solo Dio debba avere questa possibilità e che sia pericoloso ricorrervi.
Sicuramente il fobico deve imparare ad aiutarsi. Rilassare il fisico può allentare la tensione mentale dice lo psicologo. Questo può praticarsi controllando la respirazione. Concentrandosi sul presente ed evitando di pensare a quanto genera apprensione.
Naturalmente l’aiuto esterno è anche importante. Almeno per capirsi e imparare a superare le proprie fobie nell’immaginazione: è la tecnica della desinsibilizzazione. Occorre saper osare e può essere sconvolgente emotivamente, ma occorre spiegare che la paura in sé non può nuocere e che va invece affrontata e vinta.

L’intervento divino
Spesso le fobie sono usate dal Diavolo che approfitta della debolezza dei fobici per legarli ancora maggiormente ai propri timori.
In particolari condizioni la paura può costituire una “porta aperta” per un’opera diabolica che può essere un’influenza spirituale negativa, un’ossessione e - in casi estremi - una possessione demoniaca. La paura è in relazione alla nascita del peccato: ”..ho udito la tua voce nel giardino e ho avuto paura, perché ero nudo e mi sono nascosto”. Gli esperti affermano che non si nasce con la paura anche se studi avanzati hanno rivelato un’influenza madre-feto.
Certamente Dio non impaurisce: “..non avete ricevuto uno Spirito di servitù per ricadere nella paura ma avete ricevuto lo Spirito di adozione, mediante il quale gridiamo “Abba! Padre!”. Difatti" Dio ci ha dato uno spirito non di timidezza, ma di forza, d’amore e d’autocontrollo”.
La paura del fobico è paradossalmente una fede, anche se negativa. Fu l’esperienza di Giobbe: “Non appena temo un male esso mi colpisce, e quel che mi spaventa, mi piomba addosso”. Gli eventi si succedettero rovinosi uno dopo l’altro facendogli perdere beni, figli, salute. Solo l’intervento divino che Gli parlò personalmente lo aiutò ad uscirne.
In ogni caso va detto con chiarezza che “..per questo è stato manifestato il Figlio di Dio: per distruggere le opere del diavolo” e “liberare tutti quelli che dal timore della morte erano tenuti schiavi per tutta la loro vita”.
Per realizzare questa libertà basta chiederla,come i Discepoli nella tempesta: “..si sollevò una cosi gran burrasca, che la barca era coperta dalle onde; ma Gesù dormiva. "... i suoi discepoli avvicinatisi, lo svegliarono dicendo: “Signore, salvaci, siamo perduti”.Allora come oggi Egli interviene: “Sgridò i venti ed il mare, e si fece gran bonaccia”.
E’ giusto non nascondere che il problema di alcuni è “mantenere” la liberazione. Sarà d’aiuto la fede nella Parola di Dio: “..la legge dello Spirito della vita in Cristo Gesù mi ha liberato dalla legge del peccato e dalla morte”.
Anche un’attitudine mentale giusta sarà importante: “Lo spirito dell’uomo lo sostiene quand’egli è infermo; ma lo spirito dell’uomo chi lo solleverà?” Invece è scritto che “Un cuore allegro è un buon rimedio, ma uno spirito abbattuto fiacca le ossa”.
C’è perciò una relazione tra l’essere fisico e la mente che deve essere illuminata da Colui che dice: “Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi”.

Davide Di Iorio





ADI - ASSEMBLEE DI DIO IN ITALIA
Chiese Cristiane Evangeliche
Reggio Calabria
SEGUICI SU
Copyright 2017 ADI Reggio Calabria - All Right Reserved
CONTATTI
Via San Giuseppe, 36 - Reggio Calabria
Via Santa Lucia al parco, 13 - Reggio Calabria
Via Nazionale, 12 - Traversa L - Pellaro RC
Telefono:3478265644
enzolabate@tiscali.it

Torna ai contenuti